Era ora! Facebook con l’intento di mantenere attivi i suoi oltre 2 miliardi di utenti, lancia una stretta a tutti quei siti che adoperano il sistema del clickbait,

(o clickbaiting, tradotto “Esca da click”) è un termine che indica un contenuto web la cui principale funzione è di attirare il maggior numero possibile d’internauti, per generare rendite pubblicitarie online.

Generalmente il clickbait si avvale di titoli accattivanti e sensazionalisti che incitano a cliccare link di carattere falso o truffaldino, facendo leva sull’aspetto emozionale di chi vi accede.

Facebook ha deciso di intervenire ancora più duramente per bloccare la diffusione delle notizie false sul suo network, prendendo provvedimenti non solo sui link condivisi sui social network, ma anche sulle pagine presenti sulla rete.

In futuro chi continuerà a condividere  notizie considerate false dai siti di fact checking, potrebbe essere escluso dal network pubblicitario di Facebook, ovvero non sarà in grado di monetizzare il proprio traffico attraverso la pubblicità attiva sui social network, che poi è una delle principali ragioni per cui si condividono notizie “gustose”, non curandosi del fatto che siano false.

 

40total visits,1visits today

Comments

comments